Atmaprema

RIMEDI NATURALI PER PROTEGGERE I NOSTRI CAPI

Come ogni anno arriva il momento di fare il fatidico cambio degli armadi. Ma come fare per ritrovare, tra sei mesi, l’abbigliamento che tanto amiamo perfetto come quando lo abbiamo lasciato? Ecco i rimedi naturali per proteggere i nostri capi in lana  senza sprechi e senza dover acquistare prodotti industriali che spesso contengono sostanze chimiche e non naturali.

Qualche accorgimento prima di partire

Questa è la parte più noiosa e meno creativa ma possiamo cercare di renderla piacevole con qualche attenzione. Se avete letto il blog sulla cura dei capi in lana e scaricato il file sapete quanto sia importante preparare l’ambiente per metterci a nostro agio e rendere meno noiosa il duro lavoro del cambio armadi.

Scegliete la vostra musica preferita e mettetela come sottofondo. Ora accendete la vostra candela profumata, il vostro incenso o oli essenziali nel bruciatore e iniziate a tirare fuori i capi da archiviare. Separate i capi mai messi, o già lavati, da quelli utilizzati. I capi indossati, anche se solo una volta, andranno portati in tintoria o lavati a mano con molta cura. Attenzione a questo dettaglio perché le tarme amano l’odore del sudore anche se impercettibile al nostro olfatto. 

Ora passiamo a cassetti e armadio e con acqua, bicarbonato e aceto bianco diamo una bella disinfettata. 

Quando tutti i nostri capi saranno puliti e i nostri cassetti saranno disinfettati possiamo procedere a riporre la maglieria e la seta  e ad inserire nel cassetto o nell’armadio i nostri preziosi sacchettini. 

Ora vediamo come creare il nostro mix antitarme.

Il mio sacchetto profumato per prendersi cura della maglieria

Prima di realizzare il sacchettino vorrei condividere con voi il libro di Orsola de Castro “I vestiti che ami vivono a lungo”, un libro molto interessante che parla di come abbiamo dimenticato il valore delle cose e della trappola del fast fashion.

Il prendersi cura dei capi che indossiamo non è più diventata una priorità da quando possiamo acquistare t-shirt, pantaloni, maglie e quant’altro a prezzi stracciati.

Avendoli pagati così poco perché dovremmo portarli un paio di volte in tintoria per non rovinarli se poi la manutenzione ci costerà più del capo stesso? Oppure perché dovremmo rammendarli se la sarta ci costerà più del capo? L’errore sta proprio li, comprando quel capo a basso costo pensiamo di aver il diritto di usarlo una stagione e poi di buttarlo e così facendo avvalliamo lo sfruttamento della manodopera in chissà quale parte del mondo, l’inquinamento perché chissà come sono tinti e come sono eliminati i rifiuti e immettiamo capi che non possono essere riciclati nello smaltimento che già non ne può più dei nostri consumi. Questo per mettere l’accento su quanto un gesto semplice possa fare la differenza e come sarebbe meglio approcciarci agli oggetti che possediamo, con cura, manutenzione e perché no rammendarli o aggiustarli in modo creativo quando saranno usurati. 

Piccole attenzioni, se fatte da ognuno di noi, possono realmente migliorare le cose ed è per questo che ogni anno inizio la fabbricazione dei miei sacchetti salva lana. 

Intanto non butto via niente e ho sempre sacchetti di vecchie bomboniere che posso riutilizzare. Al termine della stagione conservo le bucce delle ultime arance, e come in questi giorni, le metto fuori ad essiccare. Quando sono pronte, sbriciolo la lavanda secca, metto le scorze di arancia, un bastoncino di cannella e cinque chiodi di garofano. Chiudo il sacchettino e lo inserisco nel cassetto o lo appendo ad una gruccia dell’armadio. Conservo ciò che è avanzato in un contenitore ermetico e ogni tre mesi ripeto il procedimento per avere sempre attivi i miei profumi.

Il vostro sacchetto profumato per prendersi cura della maglieria

Ora che vi ho detto come realizzo il mio sacchetto profumato tocca a voi scegliete il vostro. 

Vi elenco alcuni dei profumi non desiderati dalle tarme. Potete scegliere tra quelli che più sono nelle vostre corde e che quando li sentite vi danno un senso di leggerezza e piacere. Potete sceglierne anche più di uno e mixarli insieme.

Troverete spesso la cannella abbinata all’alloro ma potete benissimo abbinarla ai chiodi di garofano o mettere qualche scaglia di sapone di Aleppo con l’aggiunta di scorze di arancia. Insomma sbizzarritevi e sperimentate a seconda dei vostri gusti personali e di cosa avete in casa.

Ecco un elenco di quello che può servire:

  • Alloro
  • Cannella in stecca
  • Chiodi di garofano
  • Lavanda essiccata
  • Buccia d’arancia/limone/pompelmo essiccata
  • Menta
  • Rosmarino
  • Anice stellato
  • Pepe
  • Oli essenziali di lavanda, Neem, pachouli, cedro, rosmarino
  • Sapone di Aleppo che contiene olio di bacche di alloro e olio di oliva

E se non avete i sacchettini per contenere le spezie? Potete utilizzare magliette bucate, calze che si sono consumate o vecchi collant rovinati chiudendoli in cima con un nodo.

Se invece preferite essere più veloci nella preparazione potete utilizzare gli oli essenziali, qualche goccia su gessetti da cassetto, che se amate il fai da te potrete realizzare da voi seguendo qualche tutorial on line, tappi di sughero prese da qualche bottiglia di vino e mollette da bucato in legno che potrete appendere facilmente alle grucce. Lasciate correre la fantasia, riutilizzate tutto ciò che è poroso e che rischierebbe di essere buttato inutilmente, dando così una seconda vita agli oggetti di casa. Unico accorgimento mai mettere a contatto con i capi in quanto potrebbero macchiarsi, metteteli in un angolo del cassetto o appesi ad una gruccia vuota.

Qualsiasi cosa scegliate ricordate di rinfrescare ogni tre mesi.

Qualche goccia per profumare i vostri capi

I rimedi naturali per proteggere i nostri capi in lana possono anche essere dei profumi spray con oli essenziali mantenendo le seguenti proporzione:

  • Un cucchiaio di alcol alimentare
  • Olio essenziale 50 gocce
  • 100 ml di acqua
  • Uno spruzzino ad uso cosmetico

Unite gli ingredienti nel contenitore, agitate prima dell’uso e qualche spruzzata a distanza. In questo modo potrete rinfrescare armadi e cassetti ogni volta che lo desiderate.

Ora non vi resta che preparare i vostri rimedi personali e, perché no, farlo diventare anche un regalo per il prossimo Natale.

Buon divertimento!

Essenza Individuale. La storia di Atmaprema è una storia per tutte le età. Un brand di maglieria premium italiano, che nasce dal desiderio di produrre capi di qualità con a cuore l’etica nella produzione e il rispetto dell’ambiente.
Contatti

Siamo a Cremona, nord Italia. Abbiamo il cuore in ogni regione del mondo. Abbiamo a cuore il mondo.

info@atmapremaknitwear.com

X